Carsten Kengeter, Amministratore Delegato di Deutsche Boerse si è visto aprire un’inchiesta da parte dei Magistrati tedeschi per l’ipotesi di reato di “insider trading” correlato ai colloqui tra il management del gruppo e il London Stock Exchange che si sono verificati tra agosto e dicembre 2015.

Proprio ieri i Magistrati hanno ordinato delle perquisizioni a Eschborn nei pressi di Francoforte alla sede della Deutsche Boerse.

Tutto questo in relazione all’acquisto di azioni della Deutsche Boerse per un valore di 5 milioni di euro da parte del gruppo Kengeter nel dicembre del 2015 solo 2 mesi prima che furono resi pubblici i colloqui per una fusione fra Boerse e Lse.

In una propria nota la Procura di Francoforte ha specificato che le perquisizioni sono mirate a fare luce su tutto lo svolgimento dei colloqui che si sono protratti fino a febbraio del 2016 quando le due società hanno confermato ufficialmente le trattative per la fusione.